Home / Recupero Evasione / Gli incentivi al personale dell’Ufficio Tributi
IMU recupero evasione tributi locali

Gli incentivi al personale dell’Ufficio Tributi

Novità dalla Legge di Bilancio 2019 per il personale dell’Ufficio Tributi: tornano gli incentivi per i dipendenti coinvolti nel recupero evasione IMU e TARI

Si cambia. Con il 2019 torna la possibilità, per i Comuni, di prevedere incentivi per il personale dell’Ufficio Tributi legate al recupero evasione. I paletti ovviamente sono molto stringenti ma, comunque, resta un’importante possibilità quella prevista dal legislatore in materia di contrasto all’evasione e all’elusione dei tributi locali.

I rigidi paletti imposti dalla normativa (già verificati in un precedente articolo sull’argomento) in materia di incentivi sembrano assolutamente ovvi. Resta però la necessità di districarsi tra delibere e regolamenti da approvare per riconoscere il diritto al personale dell’Ufficio Tributi (o comunque a tutti quei dipendenti pubblici coinvolti dal percorso incentivante).

Incentivi al personale dell’Ufficio Tributi: le regole della Legge di Bilancio 2019

La nuova normativa in materia di incentivi al personale dell’ufficio tributi per recupero evasione IMU e TARI si fonda su due rilevanti questioni. Soprattutto rispetto a quanto previsto in passato in materia di ICI, infatti, tutto va contestualizzato in ragione di rendiconto e conto consuntivo.

Fermo restando la misura massima del 5% delle maggiori entrate, la misura della performance va legata esclusivamente alle riscossioni (propriamente gli incassi) maturati dall’Ente nella lotta all’evasione. A nulla rileveranno gli accertamenti: il parametro di riferimento in base al quale calcolare il il 5% spettante al personale dei Comuni coinvolto nella lotta all’elusione e all’evasione è quello delle maggiori entrate rilevate dal conto consuntivo.

Delibera di Giunta Comunale e Regolamento gli atti propedeutici all’approvazione dei incentivi

Fermo restando i rigidi paletti imposti dalla Legge di Bilancio 2019, la possibilità di riconoscere incentivi al personale dell’Ufficio Tributi per recupero evasione in materia di IMU e TASI è demandata all’autonomia dell’Ente che, con delibera di Giunta Comunale approva il regolamento.

Occorre sottolineare che gli incentivi rappresentano un ulteriore compenso spettante al personale. Ulteriore rispetto al salario accessorio con un unico ulteriore limite: il compenso incentivante non potrà in ogni caso essere superiore al 15% del trattamento tabellare lordo previsto per ciascuno dei dipendenti interessati dal riconoscimento degli incentivi.

Gli incentivi, inoltre, saranno corrisposti solo a quei dipendenti direttamente coinvolti nelle attività di contrasto all’evasione e all’elusione di IMU e TARI e, soprattutto, solo se il servizio non è comunque affidato in concessione a terzi. In questa ultima ipotesi è da escludersi qualsiasi possibilità di riconoscimento di un incentivo al personale dell’Ente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *